Home Android IFA 2018 Huawei svela il nuovo processore Kirin 980 e non solo

IFA 2018 Huawei svela il nuovo processore Kirin 980 e non solo

482
0
CONDIVIDI

Huawei non poteva certo mancare l’appuntamento con IFA 2018. Ecco a voi alcune delle novità presentate dal produttore cinese, tra cui il nuovo SoC Kirin 980.

kirin 980

Nello specifico il nuovo processore è dotato di tecnologia TSMS da 7nm, che permette di raggruppare 6,9 miliardi di transistor in un 1cm2.  Se paragonato al processo da 10 nm, quello da 7 nm offre prestazioni migliorate del 20% e un’ottimizzazione dell’autonomia del 40%.

La potenza  di calcolo è stata inoltre aumentata di 1,6 volte rispetto alla generazione precedente.

Il Kirin 980 è anche il primo SoC a integrare i core basati Cortex-A76, che sono il 75% più potenti e il 58% più efficienti rispetto ai precedenti.

Huawei ha sviluppato un innovativo sottosistema Kirin CPU con tecnologia Flex-Scheduling che crea un’architettura di efficienza energetica a 3 livelli che consiste in la CPU del Kirin 980 è composta da due “super big” core basati su Cortex-A76, due “big” core basati su Cortex-A76 e quattro “little” core basati su Cortex-A55. Comparati con il design tradizionale, questa soluzione consente ai core ad alte prestazioni di gestire carichi di lavoro intensi in maniera immediata, ai core ad alta efficienza di fornire prestazioni durature e ai core ad ultra-efficienza di affrontare le attività quotidiane con estrema efficienza energetica. Con una velocità di clock superiore alla generazione precedente, il Kirin 980 consente tempi di avvio delle app più rapidi, multi-tasking potenziato e un’esperienza più fluida per l’utente.

La GPU che accompagnerà il nuovo processore sarà la Mali-G76, che offre una potenza di elaborazione grafica superiore del 46% e un’efficienza energetica migliorata del 178% rispetto alla generazione precedente. Mali-G76 dispone anche di un’innovativa tecnologia di clock boosting che utilizza l’AI per identificare in modo intelligente i carichi di lavoro di gioco e regolare l’allocazione delle risorse per prestazioni ottimali per il gaming.

La doppia NPU presente nel Kirin 980, inoltre, eleva ulteriormente l’esperienza AI su smartphone grazie ad una maggiore potenza di elaborazione e intelligenza. La sinergia della Dual NPU si traduce in una capacità di riconoscimento delle immagini superiore alla somma delle due: Kirin 980 è in grado di riconoscere fino a 4.500 immagini al minuto, con un incremento del 120% rispetto a Kirin 970. Inoltre, Kirin 980 supporta i comuni framework AI come Caffe, Tensorflow e Tensorflow Lite e fornisce diversi strumenti in grado di semplificare l’ingegnerizzazione dell’AI per smartphone, consentendo agli sviluppatori di sfruttare facilmente la potenza di elaborazione della Dual NPU.

Le novità non finiscono però qui: Huawei ha integrato il suo ISP di quarta generazione nel SoC. Oltre ad un aumento del 46% del flusso di dati rispetto al suo predecessore, il nuovo ISP offre anche il miglior supporto possibile per le configurazioni multi-camera, così come una nuovissima tecnologia di riproduzione dei colori in HDR in grado di modificare il contrasto delle immagini per evidenziare gli oggetti in diversi punti di un’immagine. Inoltre, Kirin 980 utilizza la soluzione Multi-pass di riduzione del rumore che rimuove accuratamente gli artefatti senza cancellare i dettagli dell’immagine, garantendo così una migliore qualità degli scatti realizzati in condizioni di scarsa illuminazione. Un’altra nuova caratteristica dell’ISP è il miglioramento del monitoraggio del movimento. Quando un utente tenta di scattare una foto di un personaggio in movimento, l’ISP può riconoscere il soggetto garantendo una precisione del 97,4%, in modo che ogni utente possa catturare con facilità anche gli attimi più sfuggenti.

Per quanto riguarda i video, invece, Kirin 980 adotta una nuova pipeline dedicata all’elaborazione dell’acquisizione video, consentendo alla camera di girare riducendo il ritardo del 33%.

Il nuovo SoC integra inoltre il primo modem al mondo che supporta LTE Cat.21 con una velocità di download massima di 1,4 Gbps.

Il primo dispositivo a montare questo gioiellino sarà Huawei Mate 20, il cui arrivo è previsto per ottobre.

nuove colorazioni per huawei p20 e p20 pro

Huawei ha anche annunciato due nuove tonalità per la serie HUAWEI P20: Morpho Aurora e Pearl White; la prima ispirata alla farfalla Morpho, la seconda alla madreperla.

ai cube

IFA 2018 sarà ricordata anche come l’occasione in cui Huawei ha annunciato il suo ingresso nel mercato degli smart speakers, grazie ad AI Cube, caratterizzato da SO Alexa (con oltre 50.000 skills) e router 4G.

 

Quest’ultimo richiede solo una scheda SIM 4G per stabilire una connessione Internet ad alta velocità (LTE Category 6 speeds fino a 300Mbps downlink). HUAWEI AI Cube è inoltre compatibile con lo standard Wi-Fi 802.11ac Wi-Fi , il che significa che il router è dual band, in grado di lavorare sui canali a 2.4GHz e 5GHz e di trasmettere dati su LAN fino a 1.200Mbps.

L’altoparlante intelligente di Huawei, dal design molto minimale, che ricorda Google Home, presenta una sound cavity di 400 ml e un diaframma in alluminio, che consente agli speakers AI di produrre un audio di alta qualità (sia suoni bassi che alti). L’audio viene migliorato anche con HUAWEI Histen, soluzione proprietaria dell’azienda. Quest’ultima, presente anche su diversi dispositivi Huawei, arricchisce il set di funzioni dell’altoparlante AI includendo bassi virtuali, equalizzatore di fase lineare, adaptive gain control, riconoscimento vocale a lunga

Oltre a HUAWEI AI Cube, l’azienda ha annunciato HUAWEI Locator, un potente beacon di posizionamento che supporta lunghi tempi di funzionamento e standby, nonché i quattro principali standard GNSS (Global Navigation Satellite System): GPS, GLONASS, Galileo e Beidou. Compatibile con nano SIM ed eSIM, il dispositivo supporta il roaming 3globale con report di posizionamento in tempo quasi reale e fornisce una serie di servizi tra cui un pulsante SOS, Geofence e BLE Found, una funzione basata sulla prossimità che attiva l’allarme acustico sul localizzatore HUAWEI quando uno smartphone collegato si trova a meno di 10 metri dal dispositivo. HUAWEI Locator ha un livello di protezione IP68 che lo rende perfettamente adatto a qualsiasi tipo di attività.

Fonte

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome